La resilienza dinanimista vi segnala “Roberto Galullo Blog.il sole24 ora”: per una reistenza poetica e consapevole contro tutte le mafie

robertogalullo_11Ponte sullo Stretto/1 La mafia a Messina evolve, si arricchisce, piega il futuro e si confonde in una bolla che la fa (quasi) sempre franca:

Raramente mi sono trovato a leggere un’ordinanza di custodia cautelare (ne ho letto migliaia) come quella firmata il 26 giugno dal Gip di Messina Salvatore Mastroeni.

Un provvedimento – che fa seguito all’operazione Beta con la quale la procura in riva allo Stretto ma messo in ginocchio la costola catanese dei Santapaola nella città – che sposa la ricostruzione e lo straordinario lavoro della Procura e che poi unisce l’analisi sociologica alla critica dei sistemi investigativi e giudiziari e, ancora, salda l’evoluzione delle mafie alla loro tradizione. L’operazione, su delega della Procura (procuratore aggiunto Sebastiano Ardita e pm Liliana Todaro, Maria Pellegrino e Antonio Carchietti) è stata condotta dal Ros dei Carabinieri.

Un’analisi che – lo dico subito – condivido appieno. Non solo perché sono quasi 13 anni che scrivo di questi aspetti (spesso isolato in quanto per i professoroni del nulla di ogni settore, a partire dal mio, è facile credere che le mafie siano coppole e lupare anziché capitale sociale all’ombra di logge deviate) ma anche perché è difficilissimo trovare un gip con la sensibilità prospettica (anziché introspettiva)…

….

Leggete con attenzione perché di questo provvedimento scriverò per tutta la settimana su questo umile e umido blog.

Il giudice scrive che quella scoperchiata è «una cupolaassociazione..con le mani sulla città.. Una città asfittica, impoverita, ove alla paura .siaggiunge la rassegnazione, con un faticoso presente per gli onesti ed un estremamente incerto futuro per i giovani. E ciò mentre cresce una economia illegale parallela, .che dà  ricchezza e lavoro nell’illiceità, che si caratterizza per ”i favori”, un sistema che c’è sempre stato, anzi ora ripulito dalla criminalità violenta, in cui però i favori sono realtà illecite  economiche che corrono mentre ditte, negozi e lavoro saltano, creandola povertà degli onesti.

La rivoluzione non è solo nei metodi, più aggraziati, ma nella struttura· sociale della società, ancora più  pericolosa,  se mischiata a  mille altre facce . di favori  e preferenze illecite, che sfiorano realtà  nascoste,  opache,  ma  che  emergono  di tanto in  tanto,  in  singole  ed  isolate  azioni giudiziarie».

Traduco in soldoni: il futuro di Messina muore mentre l’evoluzione della mafia arricchita si confonde in una bolla apparentemente pulita che avvolge città e provincia, fatta di un’esistenza che nessuno (salvo rari casi) ha le palle (possiamo ridirlo?) di portare in un’aula di Tribunale.

Bene. Ora mi fermo ma domani ritorno. E lo farò per tutta la settimana.

r.galullo@ilsole24ore.com

CONTINUA SU: http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/07/10/ponte-sullo-stretto1-la-mafia-a-messina-evolve-si-arricchisce-piega-il-futuro-e-si-confonde-in-una-bolla-che-la-fa-quasi-sempre-franca/?refresh_ce=1

La resilienza dinanimista vi segnala “Roberto Galullo Blog.il sole24 ora”: per una reistenza poetica e consapevole contro tutte le mafieultima modifica: 2017-07-10T15:43:50+00:00da zairo-ferrante
Reposta per primo quest’articolo