su AsinoRosso-Ferrara… il neofuturismo Salernitano

Neofuturismo a Salerno segnalato da Roby Guerra

img-articolo-imaginarium-557x262-300x1417 maggio, alle ore 8.30 all’Universita di Salerno, dipartimento Scienza della Comunicazione, nell’ambito del Seminario di Audivisivi Sperimentali a cura del Professor Alfonso Amendola, conferenza sul Neofuturismo di Marcello Francolini, giovane critico d’arte, già noto per numerose iniziative a livello anche nazionale e internazionali futuristiche (Corpo Comune- con la stessa pittrice performer Antonella Pagnotta, Futurismo 3000, Seminari in Albania, a Tirana, la mostra – curatore – Alfa Omega a Milano recentemente per i transumanisti futuribili) e per una brillante polemica costruttiva con lo stesso Vittorio Sgarbi. Francolini , esperto del cosiddetto Urbanesimo…collabora anche con riviste d’arte o magazine quali Juliet e Luuk Magazine.

Tra i nuovi futuristi i…nella relazione di Francolini (come Wikipedia stessa segnala alla voce Neofuturismo contemporaneo in Futurismo) i principali promotori attualmente in Italia ,supportati anche da brevi video flash ad hoc. Roby Guerra, Graziano Cecchini, Antonio Saccoccio, Antonio Fiore Ufagrà, Giancarla Parisi, Daniel Schinasi, Baldo Savonari, il Connettivismo stesso fantascientifico.

Brevemente un incontro programmatico per la storica avanguardia italiana, in questi mesi tornata clamorosamente alla ribalta internazionale con la già celebre retrospettiva americana a cura di Vivien Greene al Museo Guggenheim di New York. E’ il primo seminario accademico per Francolini che così anticipa:

“….illustro , con focus soprattutto artistico, le reinvenzione attuale italiana del futurismo, la sua mutazione in atto, dal movimentismo storico alla nuove galassie futuribili in formazione periferiche e nazionali.
figlie dell’era di Internet.

CONTINUA SU: http://lasinorosso.myblog.it/2014/05/08/neofuturismo-salerno-segnalato-roby-guerra/

su AsinoRosso-Ferrara… il neofuturismo Salernitanoultima modifica: 2014-05-10T12:30:39+00:00da zairo-ferrante
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento